I disabili del centro Aquilone diventano attori In un film raccontano i loro desideri e le difficoltà

Sarà proiettato in prima assoluta il 25 Gennaio al Politeama di Fano, poi le repliche

MONDAVIO – SUPERARE barriere che sembrano insormontabili grazie ad un film. E’ l’idea, diventata splendi-da realtà, del centro diurno per diversamente abili ‘L’Aquilone’ di San Filippo sul Celano, nel comune di Mondavio. Perché i 17 disabili de ‘L’Aquilone’ un film, nelle vesti di attori, lo hanno realizzato davvero. Il 25 gennaio al cinema Politeama di Fano ci sarà la prima assoluta e ieri sono andati a presentarlo in Regione, insieme al consigliere Federico Talè, al sindaco Mirco Zenobi e al regista Sandro Fabiani, vera anima del progetto, che oltre ai compiti di direzione ha assolto anche quelli di scrittura di ‘Fuori Centro’. Questo il titolo del lavoro, la cui sceneggiatura ha tratto spunto dagli stessi attori, che hanno raccontato i loro sogni, spesso coincidenti con quella che viene considerata la normalità della vita quotidiana, come avere un fidanzato? una famiglia, fare una passeggiata, trascorre una sera in discoteca. IL FILM racconta, infatti, attraverso una storia avventurosa, poetica e divertente le difficoltà che un disabile può incontrare muovendosi da solo per realizzare i propri desideri. Allo stesso tempo, però, evidenzia come questa persona, se ben guidata da famiglia ed educatori, con la giusta cura e attenzione possa trovare la sua autonomia. Al centro di tutto ci sono la libertà e il sogno, valori assoluti e imprescindibili che appartengono ad ognuno di noi. ‘Fuori Centro’, girato con il supporto dell’equipe educativa de ‘L’Aquilone, coordinata da Tamara Micci, ha coinvolto circa 250 persone tra professionisti, volontari e comparse, compresa una vera troupe cinematografica. Tra loro anche Talè, che si è messo in gioco interpretando una piccola parte e che ieri in conferenza si è detto «fortemente emozionato» e ha avuto parole di gratitudine nei confronti di Fabiani e dell’intero staff del centro, gestito dalla cooperativa ‘Casa della Gioventù’: «Con questo film — ha ripreso il consigliere — avete fatto realizzare un sogno ai ragazzi. In tema di disabilità non è sufficiente abbattere le barriere architettoniche». IL SINDACO Zenobi ha invece rimarcato il fatto che il «progetto ha reso protagonista un intero territorio, unitosi all’esperienza de-gli utenti de `L’Aquilone’». La presidente della ‘Casa della Gioventù’ Nicoletta Bani e Tamara Micci hanno ringraziato per il contributo Regione, Lions Club e Banco Marchigiano di Credito Cooperativo. La prima del film, come detto, è in programma per il 25 gennaio al Politeama di Fano (ore 20,30, evento già sold out). Il giorno successivo, alle 18,30, proiezione sia al Politeama che al cinema Gabbiano di Senigallia, co-sì come domenica 27, stavolta con inizio alle 16,30.